Ci sono situazioni dove una automazione non può essere comandata in maniera automatica, sembra un controsenso, ma non lo è. Sono tutti quei casi dove risulta impossibile o molto difficoltoso realizzare un movimento automatico in sicurezza per l'uomo.

Esistono diversi casi che rientrano in questa casistica, spesso si tratta di situazioni dove il cancello o portone è molto pesante da non poter essere movimentato manualmente, ma oggi analizziamo una situazione specifica che richiede una soluzione particolare.

evoluzione del cancello ad ante

Forse non ci hai fatto caso, ma recentemente sono sempre più diffusi i cancelli pannellati. Se fino qualche anno fa erano molto diffusi cancelli in ferro battuto, a volte vere e proprie opere d'arte, la tendenza oggi è quella di realizzare cancelli pannellati che da una parte proteggono maggiormente la privacy, ma dall'altra parte lasciano passare molta meno aria. Quando si tratta di cancelli ad ante, questo comporta una problematica che va assolutamente gestita in maniera preventiva, per non trovarsi nella impossibilità di accedere alla propria poprietà. Si tratta delle situazioni in cui il forte vento impatta sulle ante offrendo molta resistenza all'apertura o alla chiusura.

Si consideri che la movimentazione dell'alta è tenuta costantemente sotto monitoraggio amperometrico per rilevare eventuali ostacoli che si frappongono nella sua corsa. Questo è necessario per la sicurezza dell'automazione, infatti, in caso un ostacolo (persone o cose) impedissero il movimento, verrebbe rilevato un innalzamento dello sforzo del motore che genera lo stop immediato del movimento. Con queste premesse, si ipotizzi una condizione di forte vento che spinge sull'anta pannellata, ci si renderà conto facilmente che verrebbe costantemente rilevato uno sforzo eccessivo del motore con conseguente stop del movimento.

Questa situazione, come anticipato, deve essere gestita in maniera preventiva e può essere fatto con i comandi di apertura e chiusura a "uomo presente". Si tratta di una particolare condizione di comando del cancello per la quale è necessario tenere premuto il pusante di apertura/chiusura, bypassando le protezioni di controllo dello sforzo che abbiamo menzionato sopra. A questo scopo è necessario che chi sta dando il comando di apertura o chiusura sia nei pressi del cancello e lo possa tenere sotto controllo visivo costante.

I radiocomandi forniti con le automazioni di kitautomazioni dispongono sempre di tre pulsanti. Il primo pulsante è sempre configurato nel nostro laboratorio per il comando di apertura e chiusura automatica, mentre gli altri due pulsanti possono essere configurati attraverso semplici procedure per le funzioni di apertura e chiusura a "uomo presente".

RADIOCOMANDO PER COMANDO UOMO PRESENTE

Speriamo che la lettura di questo articolo ti sia stata utile, per ogni informazione su esigenze di automazione per cancello ad anta battente puoi rivolgerti alla nostra linea tecnica che risponde al 353 429 3214 o se preferisci vedere le nostre proposte per cancelli ad ante seleziona il link quì sotto.

VEDI LE PROPOSTE DI AUTOMAZIONE PER CANCELLI AD ANTE

Per ogni informazione contatta Matteo al 353 429 3214.