parcheggio privato

La gestione accessi per il parcheggio privato di un albergo può essere di difficile gestione se non vengono prese in considerazione tutte le necessità della struttura.
In questo articolo voglio presentarti qualche soluzione possibile con l'indicazione di quando preferire una oppure l'altra.

Quando è necessario regolamentare l'accesso al parcheggio privato di una piccola struttura ricettiva (hotel/albergo, B&B, agriturismo, ecc) si rende necessario il posizionamento di una o più barriere che possano garantire l'accesso esclusivo al cliente o chi ne ha diritto. La tipologia di barriere automatiche che possono essere adatte allo scopo sono quelle ad asta (vedi barriere ad asta) o a catena (vedi barriere a catena). In entrambi i casi è necessario gestire l'autorizzazione all'accesso.

Telecomandi

Partiamo quindi dalla soluzione più semplice che a volte si tende a non prendere nemmeno in considerazione, ovvero la dotazione di un telecomando ad ogni cliente che ha prenotato il posto auto all'interno del parcheggio.
Per un numero di posti auto fino a 50 può essere una validissima opzione.
Vantaggi e svantaggi di questa soluzione:
+ nessun costo per attrezzature di autenticazione
+ grande flessibilità
+ piccoli tempi di gestione per la consegna
- acquisto di un telecomando per ogni posto auto
- possibile smarrimento dei telecomandi
- gestione della batteria del telecomando
Alla consegna della chiave della stanza è sufficiente consegnare anche il telecomando e non deve essere effettuata nessuna ulteriore operazione perchè i telecomandi sono già programmati.
E' possibile gestire più parcheggi utilizzando diversi colori di telecomandi. In questo modo sarà possibile identificare i vari parcheggi della struttura come "parcheggio rosso", "parcheggio azzurro" ecc.
Le strutture che adottano questo sistema solitamente chiedono una cauzione per il ritiro del telecomando in modo da incentivare il cliente a riconsegnare il telecomando al termine del soggiorno.
Acquistando il 20% di telecomandi in più rispetto alla disponibilità di posti auto si sopperisce per almeno due anni alla normale usura ed all'inevitabile dimenticanza di telecomandi in valigia di qualche cliente.
Sostituendo la batteria ogni anno durante la bassa stagione, si gestisce preventivamente la situazione di telecomando non funzionante durate il soggiorno che richiederebbe una gestione di emergenza più difficile da attuare.
Il sistema con accesso a telecomandi è assolutamente il migliore nel caso di automazioni ad alimentazione indipendente fotovoltaica (SOLAR/900, SOLAR/400)

Badge o portachiavi wireless
Una seconda soluzione per gestire gli accessi dei clienti può essere quella di posizionare prima della barriera un lettore di badge wireless (tessere o portachiavi) e consegnare ad ogni cliente un badge sempre con la formula del deposito cauzionale.
Questa soluzione è adatta per un numero di posti auto superiore a 50.
Vantaggi e svantaggi di questa soluzione:
+ costo del singolo badge di accesso molto contenuto
+ massima flessibilità
+ nessuna batteria da sostituire
+ possibilità di personalizzare il badge con proprio logo
- acquisto del dispositivo di lettura
- possibile smarrimento dei bagde/portachiavi
In questo caso il dispositivo di lettura ha un prezzo abbastanza elevato, ma le tessere (o portachiavi) wireless sono piuttosto economiche.
Come per i telecomandi è consigliabile acquistarne almeno il 20% in più rispetto alla necessità, in modo da avere dei sostituti immediatamente in caso di guasto o smarrimento.
Questo sistema di autenticazione è possibile integrarlo anche con automazioni ad alimentazione fotovoltaica, ma sarà necessaria la pressione di un tasto che attivi il sistema di lettura prima di poter passare il badge sul lettore.

QR-code
La soluzione sicuramente più moderna è quella con lettore di codici QR. Il codice QR deve essere generato manualmente attraverso un software da un addetto che dovrà definire la data di inizio validità, la data di fine validità ed eventualmente il numero massimo di accessi che garantisce il codice. Il codice così generato dovrà essere inviato via email o whatsapp al cliente.
Il cliente potrà visualizzare il QR code sullo schermo del proprio smartphone o stamparlo per poterlo presentare al lettore posto all'ingresso del parcheggio.
Il pc tramite il quale viene generato il QR code ed il dispositivo di lettura non necessitano di collegamento fra di essi e questo è un grande vantaggio in termini economici durante l'installazione.
Vantaggi e svantaggi di questa soluzione:
+ nessun costo del QR-code
+ semplice installazione senza passaggi di cavi per lunghi tratti
+ nessuna manutenzione sul dispositivo di lettura
+ cliente autonomo nell'accesso al parcheggio anche senza check-in
- gestione manuale della creazione del QR-code
Questo sistema di accesso non è utilizzabile con automazioni ad alimentazione fotovoltaica.

Gestionale in uso
Nel caso in cui nella struttura sia presente un gestionale per il check-in e la gestione delle chiavi di accesso elettroniche alle camere, lo stesso sistema può essere espanso per la gestione dell'accesso al parcheggio.
Questa soluzione deve ovviamente essere analizzata con il fornitore del gestionale, ma in generale richiede che sia creato un cablaggio ethernet che possa arrivare al punto di autenticazione prima del parcheggio. Questo può essere un ostacolo non da poco perchè i lavori di muratura necessari possono essere anche di grossa entità, ma presenta l'innegabile vantaggio di essere di veloce gestione per il personale interno che non deve effettuare operazioni extra durante il check-in ed è perfettamente semplice l'utilizzo anche da parte del cliente che non si trova ad avere un dispositivo aggiuntivo in tasca.
Vantaggi e svantaggi di questa soluzione:
+ gestione integrate nel software aziendale
+ nessun costo aggiuntivo per dispositivi di accesso
+ completamente trasparente per il cliente
- costi di implementazione potenzialmente molto alti
Questo sistema di accesso non è utilizzabile con automazioni ad alimentazione fotovoltaica


Gestione dell'uscita
Comunque venga gestito l'accesso al parcheggio, per quanto riguarda l'uscita il consiglio è sempre quello di posizionare un sensore di presenza veicoli di tipo geomagnetico che darà il consenso all'apertura della barriera in modo automatico, senza nessun intervento da parte dell'utente. Sarà sufficiente che l'auto si avvicini alla barriera per generare l'apertura.
Questo dispositivo si contraddistingue per la facilità e l'economicità di installazione. Può essere installato in due diverse modalità:
- sotto la pavimentazione stradale come le comuni spire magnetiche. In questo caso l'installazione richiede un piccolo scavo nella sede stradale per alloggiare un pozzetto dove inserire il sensore.
- sul fianco della sede stradale su colonna in alluminio. In questo caso è possibile installare il sistema senza lavori sulla sede stradale. Un inconveniente da tenere presente è che rileverà passaggi di veicoli a 360 gradi, quindi non potrà essere posizionato al centro della carreggiata con doppio senso di marcia.

Per ogni informazione contatta Matteo al 329 98 65 874.